Convegno: “ Green Economy e Sostenibilità: fattori chiave per il rilancio del turismo”


Venerdì 8 novembre 2013, Ore 16.30

Città Sostenibile, Sala Agorà – Padiglione B7 ECOMONDO – Rimini Fiera

GREEN ECONOMY E SOSTENIBILITÀ:

fattori chiave per il rilancio del turismo

PROGRAMMA

Ore 16.30 Saluti di apertura:

Gabriella CHIELLINO, Coordinamento Scientifico di CITTÀ SOSTENIBILE Daniele QUADRELLI, Direttore generale Federazione BCC Emilia Romagna

Ore 16.50 Interventi:

Morena DIAZZI, Assessorato attività produttiva della Regione EMILIA ROMAGNA – I Nuovi Sviluppi nella Programmazione 2014–2020.

Marco ROCCHI, ICCREA BANCAIMPRESA – Smart Cities…verso le ImplementAZIONI Finanziarie

Emilio VERRENGIA, AICCRE Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa

Cosimo Roberto SALLUSTIO, Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione PUGLIA – Asse 3 e 4 PSR 2007-2013

Antonio PROTA, presidente del GAL COLLINE JONICHE PUGLIA – Il progetto GREEN ROAD

Cristiano RE, Fondazione ENI ENRICO MATTEI – GreenRoad in Basilicata

Aldo BONOMI, CONSORZIO AASTER – Progettare per abitare il territorio tra Greeneconomy e Greensociety

Gianpiero SAMMURI, FEDERPARCHI – Ruolo dei parchi per la sostenibilità e valorizzazione turistica

Ore 18.00 Dibattito

Ore 18.30 Chiusura lavori

Per ragioni organizzative è gradita l’iscrizione sul portale www.cittasostenibile.net/programma.

Per maggiori informazioni inviare una mail all’indirizzo [email protected]


ECOMONDO E’:

Ecomondo è la più accreditata piattaforma per il bacino del Sud Europa e del Mediterraneo per la valorizzazione e il riuso dei materiali e per la grande industria del futuro denominata anche Green Economy che deve il suo successo ad una giusta e proficua commistione tra la dimensione commerciale e la dimensione tecnico scientifica con uno spazio rilevante dedicato all’INNOVAZIONE nel settore della Green Economy. www.economondo.com, www.cittasostenibile.net

GAL COLLINE JONICHE E’:

Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Colline Joniche S.c.a.r.l ha sede a Grottaglie (Taranto) ed è una Società Consortile a Responsabilità Limitatacon capitale sociale misto, in cui affianco ai soci privati i soci pubblici sono 11 Comuni: Carosino, Crispiano, Faggiano, Grottaglie, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Jonico, Statte. L’energia propositiva è racchiusa nel progetto GREEN ROAD che rappresenta un itinerario turistico variegato che va dalle masserie delle colline fino al cristallino Mar Jonio per poi proseguire in Basilicata. www.galcollinejoniche.it

FONDAZIONE ENI ENRICO MATTEI E’:

La Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) è un’istituzione non profit che svolge attività di ricerca nel campo dello sviluppo sostenibile e della governance globale. Riconosciuta dal Presidente della Repubblica Italiana nel 1989 e operativa dal 1990, la FEEM svolge attività di ricerca su un’ampia gamma di temi, tra cui spiccano il cambiamento climatico e la sostenibilità, l’energia e l’economia. Nell’ambito dell’Area di ricerca “Economia e Società” è stata implementata l’iniziativa progettuale “Green Road” in partenariato col GAL Colline Joniche. www.feem.it

GREEN ROAD PUGLIA E’:

Nata in Puglia, valorizza il territorio del GAL Colline Joniche composto da 11 Comuni attraverso i quali si snoda una collezione straordinaria di masserie che sono vive e produttive. Va vista come un ecoparco all’aperto dove il museo è il territorio nel quale, i cittadini e le imprese e i volontari, contribuiscono alla sua costruzione. Tutto attorno è un fermento di attività, ad iniziare dalle circa 50 aziende (fra agriturismi, B&B e case vacanze) che stanno utilizzando i fondi europei attraverso il GAL. Ora per la Green Road è fondamentale attrarre nuovi visitatori e spingere l’acceleratore sulla destagionalizzazione che soprattutto il turismo rurale può garantire. Il percorso Green Road abbraccia la terra delle gravine e delle masserie pugliesi, scendendo fino al cristallino Mare Jonio nei lidi di Pulsano, prosegue nell’entroterra della Basilicata lungo la Val d’Agri e la Val Camastra.

GREEN ROAD BASILICATA E’:

In Basilicata diventa un’esperienza dal sapore antico, dove quiete, natura e relax trovano la loro massima espressività nel cuore del Parco nazionale Appennino Lucano. Green Road Basilicata è un racconto delle leggende locali, una ricostruzione di eventi e di storie popolari, di musica e di mestieri, un viaggio “geografico” dai litorali dorati della costa Jonica ai suggestivi paesaggi dei calanchi di Aliano, passando dai borghi antichi dei Comuni del Parco fino alle vette delle montagne di Viggiano. Una tipica destinazione “green” in grado di rispondere ad un’offerta di turismo che mira a coniugare la fruizione del patrimonio ambientale alla possibilità di vivere una vacanza attiva in un mix di relax e autenticità.

GABRIELLA CHIELLINO, coordinatore scientifico di Città Sostenibile: “Ogni masseria rappresenta una Città Sostenibile al suo interno. Da un lato è il punto di incrocio fra la parte ambientale e storica di un territorio, evidenziandone le pecularietà. Dall’altro lato c’è la parte economica, perché le masserie e la Green Road possono creare produttività e business per tutto ciò che gli ruota attorno ad iniziare dai prodotti locali. Ma anche perché può essere un punto di alloggio, un punto alberghiero che invita i nostri turisti a conoscere questi luoghi e a pernottare in questi splendidi edifici.

ANTONIO PROTA, presidente GAL Colline Joniche: “Il modello greenroad che il Gal Colline Joniche presenta nasce dalla necessità di organizzare la speranza di una crescita sostenibile, in armonia con le vocazioni dei nostri territori. Una crescita culturale, economica e sociale che pone al centro le relazioni tra residenti-turisti-ambiente al fine di costruire una comunità green.

Obiettivo principale di una comunità operosa è quello di comprendere ed identificare le principali problematiche cui devono far fronte oggi i cittadini per migliorare la qualità della vita e le imprese per tornare ad essere competitive sul mercato.

Il progetto intende creare una geo-comunità in un strategia di area vasta tra regioni ed aree che condividono gli stessi valori. Primo fra tutti la valorizzazione del territorio come importante fattore di produzione inserendo dinamiche di social business e simbiosi turistica. Così sono nate collaborazioni con importanti operatori economici e sociali quali Fondazione “Enrico Mattei” per la Basilicata e l’Associazione “100 Cascine” per la Lombardia.

Greenroad un laboratorio per sperimentare uno sviluppo possibile…siamo a disposizione per  costruire nuove greenroad …

CRISTIANO RE, coordinatore progetti speciali Fondazione Eni Enrico Mattei: Il progetto Green Road Basilicata è ispirato ai principi del turismo sostenibile, è uno studio, un’indagine sul campo, alla quale è seguita l’ideazione degli itinerari proposti nel progetto incentrati sul tema della Natura, della Storia e del Cineturismo e sulle peculiarità e i valori che definiscono il territorio lucano.

Green Road Basilicata è un racconto delle leggende locali, una ricostruzione di eventi e di storie popolari, di musica e di mestieri, un viaggio “geografico” dai litorali dorati della costa ai suggestivi paesaggi dei calanchi di Aliano, passando dai borghi antichi dei comuni del Parco Nazionale dell’Appenino Lucano, fino alle vette delle montagne di Viggiano, un paesaggio che ha in sé le potenzialità di un importante sviluppo turistico nell’ottica di valorizzazione dell’esistente. La scoperta e la consapevolezza della ricchezza naturalistica e culturale dei territori che ci hanno portato a immaginare un processo di messa in rete delle risorse, sia a livello regionale sia in un’ottica di sviluppo congiunto e sinergico con altre regioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.